Visitatori Totali: Oggi è lun ott 21, 2019 6:36 am




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 
 La ribellione partigiana in Valle !! 
Autore Messaggio
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: gio gen 01, 1970 1:00 am
Messaggi: 12026
Località: Cugliate Fabiasco
Sesso: M
Messaggio La ribellione partigiana in Valle !!
Un testo molto importante su un fatto accaduto in valle a fine guerra ! (testi tratti da Cronache rivoluzionarie in Provincia di Varese (1945 - 1948) )
Per il testo si ringrazia Alessandro Pellegatta, le foto fonte lombardia beni culturali

Cronache rivoluzionarie in Provincia di Varese (1945 - 1948)

La provincia di Varese è tutt’altro che immune al fenomeno delle
agitazioni partigiane, relativamente alla cosiddetta “seconda ondata”
promossa dal MRP di Carlo Andreoni a cavallo tra l’estate e l’autunno
del 1946.
Il malessere partigiano, come abbiamo visto nel capitolo precedente,
cova da tempo. Oltretutto la stampa moderata scatena regolarmente
campagne anti-resistenziali strumentalizzando ad arte episodi isolati di
criminalità in cui vengono coinvolti singoli ex-partigiani disoccupati e
spinti ai margini della società, regolarmente “scaricati” dall’ANPI.194
Una clamorosa avvisaglia dell’esplosione delle proteste partigiane si era
avuta nel dicembre 1945 a Binago, località ai confini della provincia di
Varese, quando trecento ex-partigiani armati avevano assalito la
caserma dei carabinieri, liberando alcuni loro compagni detenuti con
l’accusa di detenzione di armi ed allontanandosi non senza aver
requisito le armi della caserma.

Il MRP si caratterizza da subito come movimento tendente a
raggruppare soprattutto partigiani azionisti e socialisti; non è un caso
che sia il comando della divisione varesina “Matteotti” alla fine di
agosto a diffondere un comunicato in cui invitano i propri uomini
a rimanere calmi e disciplinati ai loro posti di lavoro, fedeli ai loro
comandanti responsabili. Il Comando mette in guardia tutti i “Matteottini”
dalle subdole manovre di qualche esaltato e di molti politicanti anche
filofascisti, tendenti a trascinarli in movimenti inopportuni e di non chiara
finalità.

Contemporaneamente ammonisce tutti i fascisti, specialmente quelli che
hanno usufruito dell’estrema generosità del Governo repubblicano, di non
voler continuare nel loro contegno baldanzoso e provocatore, per evitare
possibili e d’altra parte giustificabili reazioni.

In quegli stessi giorni, precisamente alle 8 di mattina del 30 agosto,
giungono a Marchirolo provenienti da Milano una quarantina di
partigiani disarmati appartenenti al 3° raggruppamento del MRP; li
comandano i capitani Enrico Bagna “Brocco” e Bruno Ortu ed il tenente
Franco Villani. Il gruppo, che d’intesa con le autorità locali viene
sistemato nelle scuole di Cugliate197, affigge manifesti firmati dalla
giunta centrale esecutiva del movimento, in cui si denuncia il tradimento
degli ideali partigiani da parte dei dirigenti comunisti dell’ANPI, e
dichiara di voler restare sino a quando i “desiderata” partigiani non
verranno accolti dal Governo. La permanenza dei partigiani continua nei
giorni successivi senza alcun incidente (“bene!” è addirittura il
commento del Corriere Prealpino del 31 agosto alla notizia dell’arrivo
del gruppo a Marchirolo) sino alla svolta del 20 settembre. E’ il tardo
pomeriggio quando, nella stazione ferroviaria di Ghirla, una pattuglia
della Polizia ausiliaria irrompe sul trenino diretto a Ponte Tresa: otto
giovani armati di un mitragliatore e di un mauser che sono in viaggio
per congiungersi al gruppo in Val Marchirolo vengono tratti in arresto e
trasferiti nel carcere varesino dei Miogni.

Al «Nuovo Corriere Prealpino» che si domanda chi siano gli arrestati,
dedicando alla notizia poche righe, risponde l’edizione milanese de
«L’Unità», come al solito con frasi calunniose e violente, sostenendo
che i protagonisti della ribellione partigiana sarebbero “teppisti”,
“briganti neri”, “pregiudicati di Milano”, comandati dallo “pseudo
conte Rossi detto Enea” (probabilmente il riferimento è al partigiano
Epifanio Rossi “Edmea”, aderente alla FLI ed al MRP), “repubblichini”
ed ex aderenti alla “X MAS”, tutti uniti dal fatto di essere
“anticomunisti”.198
Bruno Golo “Manlio”, membro della pattuglia di Polizia ausiliaria che
partecipa all’arresto, in una testimonianza resa negli anni ’80, definisce
l’azione del MRP “una provocazione sventata”, ma nel contempo
fornisce indirettamente la prova della buona fede degli appartenenti al
gruppo ribelle.

Del gruppo solo qualcuno aveva fatto parte di formazioni del Corpo
Volontari Libertà. Qualche altro si era aggregato, più che per una coscienza
politica o patriottica, per risolvere il problema dell’esistenza.199
L’autore dell’arresto (e della testimonianza) è lo stesso che, come
abbiamo visto, un anno dopo verrà schedato dagli avanguardisti cattolici
come capo ed organizzatore delle cellule clandestine del PCI a
Gallarate!
L’intervento delle autorità è volto a stroncare una rivolta che potrebbe
pericolosamente estendersi: il 19 settembre infatti una decina di
partigiani disarmati provenienti da Busto Arsizio si è stabilito nei boschi
di Duno, in Valcuvia. Il gruppo si è mosso spontaneamente, svincolato
dal MRP; la protesta si esaurisce dopo una decina di giorni.
La notte tra il 21 e il 22 il noto comandante partigiano della Divisione
Pasubio, Giuseppe Marozin “Vero”, membro del MRP, raggiunge il
capoluogo reclamando a gran voce la scarcerazione degli arrestati, senza
ottenerla.
La vicenda trova la sua conclusione il 30 settembre. I partigiani
rientrano a Milano, dopo aver consegnato o abbandonato le armi.

Tutti i partigiani accantonati nella zona di Marchirolo - Cugliate e monte
San Paolo sono ripartiti, parte in treno e parte su autocarro per Milano. Il
mattino seguente i carabinieri di Marchirolo hanno effettuato una
ricognizione nei dintorni rinvenendo in un bosco alcune armi automatiche,
bombe a mano e munizioni varie.


Allegati:
Documento partigiano.jpg
Documento partigiano.jpg [ 470.16 KiB | Osservato 1223 volte ]
Partigiani stesi a riposare sui tavoli - fucili appoggiati al muro..jpg
Partigiani stesi a riposare sui tavoli - fucili appoggiati al muro..jpg [ 31.05 KiB | Osservato 1264 volte ]
Partigiani stesi a riposare su sedie e tavoli..jpg
Partigiani stesi a riposare su sedie e tavoli..jpg [ 34.78 KiB | Osservato 1264 volte ]
Partigiani seduti sul cassone posteriore di un camion..jpg
Partigiani seduti sul cassone posteriore di un camion..jpg [ 26.08 KiB | Osservato 1264 volte ]
Movimento Resistenza Partigiana. Due partigiani camminano per una strada di campagna trasportando una valigia appesa ad un bastone - un altro uomo li segue..jpg
Movimento Resistenza Partigiana. Due partigiani camminano per una strada di campagna trasportando una valigia appesa ad un bastone - un altro uomo li segue..jpg [ 33.53 KiB | Osservato 1264 volte ]
Movimento Resistenza Partigiana. Alcuni partigiani scendono dal camion - uno di essi regge un'arma da fuoco..jpg
Movimento Resistenza Partigiana. Alcuni partigiani scendono dal camion - uno di essi regge un'arma da fuoco..jpg [ 24.89 KiB | Osservato 1264 volte ]
Gruppo di partigiani chiacchiera con le donne del paese..jpg
Gruppo di partigiani chiacchiera con le donne del paese..jpg [ 30.55 KiB | Osservato 1264 volte ]
Due uomini in divisa discutono con alcuni partigiani stipati sul camion..jpg
Due uomini in divisa discutono con alcuni partigiani stipati sul camion..jpg [ 24.11 KiB | Osservato 1264 volte ]
Due partigiani stesi a riposare su un tavolo..jpg
Due partigiani stesi a riposare su un tavolo..jpg [ 30.62 KiB | Osservato 1264 volte ]
Due partigiani chiacchierano con donne del paese..jpg
Due partigiani chiacchierano con donne del paese..jpg [ 33.01 KiB | Osservato 1264 volte ]
Camion stipato di partigiani attraversa il paese..jpg
Camion stipato di partigiani attraversa il paese..jpg [ 32.71 KiB | Osservato 1264 volte ]

_________________
Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa andare bene come sei. Vivi come credi. Fai cosa ti dice il cuore…ciò che vuoi…. una vita è un’opera di teatro che non ha prove iniziali. Canta, ridi, balla, ama….e vivi intensamente ogni momento della tua vita…. Prima che cali il sipario e l’opera finisca senza applausi. (Charlie Chaplin)


Condividi con Facebook Condividi con Twitter Condividi con Digg Condividi con  MySpace Condividi con Delicious
gio nov 30, 2017 11:53 am
Profilo
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: gio gen 01, 1970 1:00 am
Messaggi: 12026
Località: Cugliate Fabiasco
Sesso: M
Messaggio Re: La ribellione partigiana in Valle !!
Un episodio di rilevante importanza per Cugliate è stata la fuciliazione di Pietro Pagliolico:

"La località di Cugliate è legata ad un unico episodio di Resistenza, l’arresto e la
fucilazione del partigiano Pietro Pagliolico.
Il 10 marzo 1944 l’8^ legione GNR di Varese comunicò alla GNR di Casale
Monferrato che alle “ore 19.30 del giorno 8 corr. nei pressi del cimitero di Cugliate
di Marchirolo (Varese) la GNR – distaccamento Valmarchirolo – ha passato per le
armi tale Pagliolico Pietro di anni 34, pericoloso ribelle ricercato dalla Questura
di Aosta quale autore di violenza armata commessa nel dicembre u.s. in Casale
Monferrato contro militi servizio posto di blocco, furto automobile, ribellione forze
armate d’Aosta. Medesimo è stato trovato il giorno 7 c.m. ore 20.30 sopra il tetto
della propria abitazione in Cugliate intento a sottrarsi cattura da militari del
suddetto distaccamento con pistola automatica “Beretta” cal. 9 carica con nove
colpi che teneva in pugno. Il comandante Ten. Col. Elia Caldirola”.
[Archivio Istituto Storico Alessandria, Fondo UPI, riportato in Fabrizio Meni,
Quando i tetti erano bianchi, Edizioni dell’Orso, 2000, pag. 133].
Pagliolico era un esponente della Resistenza casalese, comandante del “Gruppo
Ayas” ad Arcesa (Ao), decimato dai fascisti nel dicembre 1943; del gruppo
facevano parte tra gli altri i “ragazzi di via Mantova”, giovani comunisti casalesi di
tendenza internazionalista già organizzati da Mario Acquaviva. Dopo la fine
dell’esperienza di Arcesa Pagliolico venne inviato dal CLN piemontese in provincia
di Varese per tentare un collegamento con la banda Lazzarini. Pagliolico morì
gridando “W l’Italia libera”. Nel 1946 i suoi uccisori subirono condanne dai 10 ai
30 anni, ma successivamente tornarono in libertà grazie all’amnistia Togliatti.

Allegato:
Pagliolico.jpg
Pagliolico.jpg [ 58.96 KiB | Osservato 1263 volte ]

_________________
Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa andare bene come sei. Vivi come credi. Fai cosa ti dice il cuore…ciò che vuoi…. una vita è un’opera di teatro che non ha prove iniziali. Canta, ridi, balla, ama….e vivi intensamente ogni momento della tua vita…. Prima che cali il sipario e l’opera finisca senza applausi. (Charlie Chaplin)




gio nov 30, 2017 11:56 am
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: sab nov 05, 2005 12:38 am
Messaggi: 1930
Messaggio Re: La ribellione partigiana in Valle !!
sempre interessante leggere qualche "news" locale del periodo bellico. Per quanto riguarda l'anno del fatto di cui si parlava oggi, dovrebbe essere il 1951 ( fonte: mio padre :evil5: )

_________________
"La parola Italia è una espressione geografica, una qualificazione che riguarda la lingua, ma che non ha il valore politico che gli sforzi degli ideologi rivoluzionari tendono ad imprimerle".
(K. W. L. von Metternich-Winneburg) click click1 click2




gio nov 30, 2017 8:21 pm
Profilo
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: gio gen 01, 1970 1:00 am
Messaggi: 12026
Località: Cugliate Fabiasco
Sesso: M
Messaggio Re: La ribellione partigiana in Valle !!
Ah ok grazie per l'info.

_________________
Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa andare bene come sei. Vivi come credi. Fai cosa ti dice il cuore…ciò che vuoi…. una vita è un’opera di teatro che non ha prove iniziali. Canta, ridi, balla, ama….e vivi intensamente ogni momento della tua vita…. Prima che cali il sipario e l’opera finisca senza applausi. (Charlie Chaplin)




ven dic 01, 2017 11:08 am
Profilo
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: gio gen 01, 1970 1:00 am
Messaggi: 12026
Località: Cugliate Fabiasco
Sesso: M
Messaggio Re: La ribellione partigiana in Valle !!
Aggiorno il posto con questi due inediti documenti, uno del giornale "L'Unità" è uno è un dispaccio del Ministero dell'interno.

Allegato:
Giornale Lombardia 1.jpg
Giornale Lombardia 1.jpg [ 832.5 KiB | Osservato 1173 volte ]


Allegato:
Ministero interno.jpg
Ministero interno.jpg [ 862.95 KiB | Osservato 1173 volte ]

_________________
Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa andare bene come sei. Vivi come credi. Fai cosa ti dice il cuore…ciò che vuoi…. una vita è un’opera di teatro che non ha prove iniziali. Canta, ridi, balla, ama….e vivi intensamente ogni momento della tua vita…. Prima che cali il sipario e l’opera finisca senza applausi. (Charlie Chaplin)




sab dic 02, 2017 6:20 pm
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: mar feb 23, 2010 3:42 pm
Messaggi: 1226
Località: Valganna
Sesso: M
Messaggio Re: La ribellione partigiana in Valle !!
Mi chiedo sempre quanto di quello che leggo da certe fonti sia credibile... :scratch:

_________________
Un cretino è un cretino,
cento cretini son cento cretini,
ma diecimila cretini sono una forza storica.

Leo Longanesi




lun dic 04, 2017 11:04 pm
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © phpBB Group.
Designed by Vjacheslav Trushkin , modified by Valganna.info and Maxper
Traduzione Italiana phpBB.it