Visitatori Totali: Oggi è ven apr 10, 2020 1:20 am




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
 Incredibile ma vero! 
Autore Messaggio
Messaggio Incredibile ma vero!
Per la serie ma come siamo messi in Italia???? Giuro di non capire....e poi si lamentano che manca lavoro!!!!! :shock: :shock: fonte Corriere .it

«Bus, una legge vieta di assumere stranieri»

L’allarme parte da Milano: mancano autisti, un decreto regio del ’31 ci lega le mani

MILANO - Ci sono gli operai a crescita zero. Sono i conducenti di tram, autobus, filobus e metrò. A Milano non ne trovano più. I concorsi vanno deserti. Sei bandi a vuoto, nell’ultimo anno. Li hanno cercati al Sud, tra i disoccupati di Napoli. Anche loro hanno dato forfeit. Gli offrivano l’alloggio gratis, in attesa del posto fisso. Niente: mille euro al mese non convincono più nessun italiano. Ci sarebbero gli extracomunitari. Quelli in regola, con i titoli e la patente. Ma all’Atm, azienda tranviaria milanese, non passa lo straniero. Un Regio decreto ne vieta l’assunzione, dal 1931. Gli stranieri, in tutte le aziende tranviarie del Paese, se non hanno la cittadinanza italiana, sono abili ma inarruolabili.
L’ultimo paradosso di un Paese senza manodopera è un caso che nessuno vuole affrontare. «Latitano un po’ tutti» dice l’assessore al lavoro del Comune di Milano, Carlo Magri. Sindacati, imprenditori e Parlamento non hanno mai pensato di modificare questa disposizione protezionistica per i dipendenti pubblici dell’Italia in camicia nera. In passato una ragione forse c’era: essere tranviere a Milano faceva status, ai concorsi c’era la ressa, per guidare un tram ci voleva la raccomandazione. «Oggi la situazione è davanti agli occhi di tutti: abbiamo bisogno di stranieri per fare quello che gli italiani non fanno più. È anacronistico e assurdo che un decreto di sua maestà Vittorio Emanuele III condizioni ancora il mercato del lavoro e vieti l’integrazione, dove questa è possibile» spiega Magri.
Il fatto di essere assessore in una giunta di centrodestra non condiziona le ragioni «di una giusta richiesta». Magri non teme le accuse della Lega, i contraccolpi in An e Forza Italia. «Bisogna eliminare un cavillo burocratico che ci allontana dall’Europa» dice. Parigi, Berlino, New York affidano autobus e metropolitane a polacchi, ghanesi, svizzeri o pechinesi. Perché in Italia siamo fermi al 1931? «È incredibile, tanto assurdo da sembrare inverosimile» si sorprende don Virginio Colmegna, responsabile della Caritas. E gli viene da dire: «Perché nessuno l’ha denunciato prima?».
I silenzi, in questa storia degli stranieri che non possono lavorare in Atm, sono quasi imbarazzati. Siamo in campagna elettorale, i politici temono di restare scottati. Gli autoferrotranvieri sono l’unica categoria del Paese che sfugge alla regolamentazione della legge 300: al posto dello Statuto dei lavoratori, c’è il Regio decreto dell’8 giugno 1931, numero 148, comma 1, articolo 10. Recita così: «Per l’ammissione al servizio in prova è necessario essere cittadino italiano o di altre regioni italiane quando anche il richiedente manchi della naturalità». Per coprire i turni del servizio a Milano, l’Atm è costretta a due milioni di ore di straordinario, pari al 30 per cento del monte ore complessivo, il triplo della quota fisiologica di un’azienda qualsiasi. Se si volesse riportare la situazione alla normalità bisognerebbe procedere come minimo a 600 nuove assunzioni. Ma queste sono diventate impossibili.
All’Atm spa i dipendenti sono 8.558, dirigenti esclusi. Nel 2005 ci sono state 327 assunzioni e 257 licenziamenti. Ma se si tiene conto che 58 dei nuovi assunti sono ausiliari della sosta, dunque personale non direttamente impegnato sui mezzi di trasporto, si va praticamente in pari. Nel 2004 è andata peggio, e il saldo degli esoneri è stato addirittura negativo: meno 47. L’Atm cerca da tempo una via d’uscita all’imbuto delle assunzioni che taglia fuori i cittadini extraeuropei. La questione però è sempre rimasta interna. Qualcuno ha anche pensato di coinvolgere il presidente della Repubblica Ciampi, il primo a dire che le aziende italiane hanno bisogno di stranieri. Poi ci ha ripensato. È l’assessore Magri, il primo a uscire allo scoperto. Parliamone, senza strumentalizzazioni, è il suo invito ai sindacati. Ma la questione non può essere risolta a livello locale. «E’ una questione nazionale» taglia corto il segretario della Camera del lavoro Giorgio Roilo.
La via maestra sarebbe il Parlamento: potrebbe modificare la legge in tempi rapidi, come fece con i ferrovieri nell’85, l’anno della privatizzazione delle Fs. In attesa di un segnale da Roma, il presente continua a coincidere con il passato e i concorsi rimangono tabù per un esercito di aspiranti lavoratori stranieri: tutti abili, tutti inarruolabili
Condividi con Facebook Condividi con Twitter Condividi con Digg Condividi con  MySpace Condividi con Delicious

gio nov 24, 2005 8:23 pm
Avatar utente

Iscritto il: lun ott 24, 2005 8:36 pm
Messaggi: 2223
Località: Ganna
Messaggio 
E' allucinante.....
Purtroppo questa è solo una delle tante storture di un Paese dove la burocrazia la fa sempre da padrona, e dove purtroppo nessuno si preoccupa di rivedere leggi vecchie e obsolete che non hanno più nessuna ragione di esistere.
Non solo riguardo i tram, ma anche in molti altri settori, non si può dare la spinta che ci vuole per migliorare o anche solo cambiare metodi e sistemi di lavoro o di gestione per via di assurde e vetuste regole che in una società moderna e democratica sono semplicemente assurde.
E il bello è che si sa, si denuncia, ma non cambia niente...... :x
Nessuno di chi potrebbe si prende la briga di darsi da fare a rivedere le leggi di 70-80 anni fa....... Mah.......

_________________
Mary




sab nov 26, 2005 10:47 am
Profilo
Messaggio 
Beh + della legge l'allucinante riguarda l'assenza di Italiani x quel tipo di lavoro.....e poi si lamentano che manca!!! V E R G O G N A :evil:


sab nov 26, 2005 12:08 pm
Avatar utente

Iscritto il: lun ott 24, 2005 8:36 pm
Messaggi: 2223
Località: Ganna
Messaggio 
Guarda, per la mia esperienza e per quello che ho potuto constatare personalmente il lavoro non manca mai per chi ha veramente necessità e voglia di lavorare.....
Il problema è che ormai tutti vogliono la vita comoda e quindi un lavoro dove magari devi fare orari disagiati, lavorare al freddo, fare fatica, non lo accetta nessuno, solo appunto chi ha VERAMENTE bisogno, altrimenti è più comodo farsi mantenere dai genitori......
Qualche tempo fa sapevo che un mio cliente titolare di una ditta aveva bisogno di una persona da assumere e l'ho proposto ad una conoscente che stava cercando un impiego......sai cosa mi ha risposto?
"Per mille euro al mese non mi alzo nemmeno la mattina....."
D'accordo che è laureata, ma piuttosto che starsene a casa, finchè non trovava di meglio......
Io ero contenta credendo di averla aiutata, e invece ci sono rimasta così male...... :?

_________________
Mary




dom nov 27, 2005 9:20 pm
Profilo
Messaggio 
bella roba, conoscendo il mio carattere l'avrei mandata a remare......

ciao Paolo


dom nov 27, 2005 11:14 pm
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © phpBB Group.
Designed by Vjacheslav Trushkin , modified by Valganna.info and Maxper
Traduzione Italiana phpBB.it